Lenticchia

la lenticchia di Castelluccio è resistente al freddo e alla siccità . Conosciuta fin dai tempi antichi , viene coltivata nel parco dei monti sibillini nei piani carsici di Castelluccio a 1500 metri di altitudine.

Le lenticchie vengono definite la carne dei poveri perché ricca di proteine e facile da digerire, facile da pulire e veloce da cuocere...

la lenticchia di Castelluccio è resistente al freddo e alla siccità . Conosciuta fin dai tempi antichi , viene coltivata nel parco dei monti sibillini nei piani carsici di Castelluccio a 1500 metri di altitudine.

Le lenticchie vengono definite la carne dei poveri perché ricca di proteine e facile da digerire, facile da pulire e veloce da cuocere. Il terreno magro di alta montagna in cui viene seminata, le temperature rigide gli conferiscono il sapore inconfondibile e la buccia fine che giova alla cottura , in quanto non necessita di essere messa a bagno, cuoce in circa 30-35 minuti. Inoltre non è da trascurare il fattore igienico, in quanto l’alta altitudine della sua coltivazione ne garantisce una sterilizzazione difficile da riscontrare in altri posti evitando il diffondersi di quei fastidiosissimi parassiti tipici delle lenticchie.

Più
Stai visualizzando 1 - 2 di 2 articoli
Stai visualizzando 1 - 2 di 2 articoli